Salta al contenuto

Speciale Oristano

L'acqua di Oristano è controllata  e garantita.

In accordo con il Comune, Abbanoa ha preso l'impegno di pubblicare con cadenza quindicinale il monitoraggio di una serie di parametri e di metterli a disposizione dei clienti. Come già accade per altri Comuni, da oggi è quindi disponibile su questo sito lo "Speciale Oristano": in evidenza quattro punti di campionamento, rappresentativi dell'intera rete cittadina (via Othoca, viale Brianza, via Palmas, via Quasimodo), più un dettaglio sui valori medi relativi alla qualità dell'acqua di sorgente.

Un sistema di acque "miste". L'acqua distribuita a Oristano proviene dal sistema delle sorgenti  di Santu Lussurgiu (Serrantes e Santu Miali) e Bonarcado (Maiolu e Bau Nou) e dai pozzi trivellati di "Sa Rodia", "San Martino", "Pergolesi", "Temo", "Solferino", "Iglesias", "Milis", "Marconi". Per quanto riguarda l'alimentazione delle frazioni: Silì è approvvigionata dal pozzo locale trivellato; Torregrande dalle sorgenti e in parte dal potabilizzatore di Silì; Massama e Nuraxinieddu dalle sorgenti; Donigala in parte dalle sorgenti e in parte dal pozzo locale trivellato; Pesaria dal potabilizzatore di Silì e San Quirico dalla sorgenti di Santu Lussurgiu "Bau Pirastu".

In un'ottica di trasparenza e condivisione delle informazioni, a ogni nuova pubblicazione dei valori seguirà anche una tempestiva azione informativa: i dati verranno infatti veicolati all'esterno e saranno messi a disposizione del Comune qualora li voglia pubblicare sul proprio sito istituzionale.

Provenienza e fonti. L'acqua distribuita a Oristano proviene in parte da sorgenti e in parte da pozzi. Le sue caratteristiche dipendono dalle percentuali di miscelazione fra le acque disponibili: quelle provenienti dalle sorgenti sono caratterizzate  da una ridotta mineralizzazione, al contrario quelle derivanti dai pozzi presentano una mineralizzazione importante, con valori di cloruri superiori alle acque sorgive.

Il trattamento. Tutte le acque distribuite a Oristano, grazie al ridotto contenuto organico che limita la formazione di sottoprodotti, non sono trattate se non con esclusione della semplice disinfezione con cloro. Gli unici inconvenienti avuti in questi ultimi anni sono dipesi dall'aumento di torbidità delle acque sorgive che hanno compromesso – anche se limitatamente nel tempo – la potabilità (è accaduto in concomitanza con le piogge).

Altro aspetto da evidenziare è che il continuo utilizzo delle acque sotterranee della piana dell'oristanese ne sta compromettendo la qualità, con un incremento progressivo della concentrazione dei cloruri. Anche per ovviare a questo problema Abbanoa ha già appaltato una importantissima opera infrastrutturale: il nuovo potabilizzatore di Silì, che prenderà l'acqua dall'invaso dell'Omodeo.

Sulla base degli ultimi campionamenti è confermata la regolarità dei valori e l'assenza di fuori norma. Mettiamo quindi tutti i dati a disposizione degli abitanti. Per facilitare la lettura dei dati pubblicheremo anche un commento alla tabella, ricordando che sul sito saranno sempre consultabili anche le tabelle precedenti.

Campionamento del 16 gennaio 2017

Parametro Perché è importante Limiti di legge         Via Sassari 1 FP (serbatoio via Iglesias) Viale Brianza 46 (serbatoio Sa Rodia) Via Palmas 87 FP (serbatoio via Marconi) Via Quasimodo (fontanella pubblica) Acqua di sorgente (valore medio)
pH Misura l'acidità dell'acqua >6,5 <9,5 Unità pH 7,3 7,7 7,7 7,2 7,8
In sintesi Il valore del pH risulta mediatamente compreso entro i valori di un'acqua gradevole
Conducibilità E' legata al contenuto di sali disciolti e costituisce una misura indiretta della salinità dell'acqua. Più bassa è la conducibilità e più leggera è l'acqua 2500 μS cm -120 °C 1.060 536 947 924 288
In sintesi La conducibilità risulta bassa per la sorgente, decisamente più elevata per i pozzi
Durezza Per durezza si intende il contenuto in sali di calcio e di magnesio. Si esprime in gradi francesi. Più il valore è basso e più è gradevole al gusto e presenta meno inconvenienti nell'utilizzo quotidiano (minor impiego di detersivo nelle attività domestiche e di lavaggio) VC 15-50 °F 19 11 14 25 7
In sintesi Il parametro "durezza" risulta basso per le acque di sorgente, con un valore superiore per quelle dei pozzi
Cloruri Se presenti  in elevate concentrazioni danno sapidità all'acqua e possono aumentarne le caratteristiche corrosive 250 mg/l Cl- -- 121 220 202 40
In sintesi I livelli sono molto bassi per le acque di sorgente ma possono essere anche significatamente elevati per le acque dei pozzi.
Solfati Come per i cloruri, anche nel caso dei solfati, più sono alti e più è favorita la corrosione. Non presentano effetti negativi sulla salute ma se le concentrazioni superano il valore fissato di 250mg/l, specialmente se è presente magnesio, l'acqua può assumere un sapore amaro 250 mg/l SO4-- 56 19 46 54 9
In sintesi Come i cloruri, risultano ridotti per le acque sorgive e più alti per quelle dei pozzi
Sodio E' importante per il metabolismo umano ma assunto in eccesso diventa dannoso. Inoltre più è alto e più è sgradevole il sapore dell'acqua, che risulta salata 200 mg/l Na+ 152 73 153 113 30
In sintesi I valori rispecchiano l'andamento dei valori di cloruri e solfati
Arsenico Metalloide pericoloso per la salute - - - - - - - - - - - -
In sintesi Nelle acque della Sardegna trattate da Abbanoa non è rilevabile arsenico
Bicarbonato Un elevato valore di bicarbonato rende l'acqua poco corrosiva e gradevole al gusto - - - - - - - - - - - -
In sintesi  
Cloro residuo Si apporta artificialmente e serve per disinfettare l'acqua 0.20 mg/l Cl2 -- 0,12 0,26 0,22 0,17
In sintesi Il cloro risulta entro i valori consigliati per garantire la purezza batteriologica
Manganese Se si riscontra una elevata presenza di manganese l'acqua è torbida e sgradevole al gusto. Perde le caratteristiche organolettiche e può favorire la presenza di batteri 50 μg/l Mn++ 1 1 1 1 1
In sintesi I valori rilevati sono insignificanti
Ferro Come per il manganese, una presenza importante di ferro rende l'acqua torbida e sgradevole al gusto. Perde le caratteristiche organolettiche e può favorire la presenza di batteri 200 μg/l Fe++ 36 83 2 2 57
In sintesi I valori rilevati sono insignificanti
Nichel E' un metallo pesante. La presenza nell'acqua dipende dalla corrosività dell'acqua e dalla qualità delle rubinetterie domestiche 20 μg/l Ni++ - - - - - - - - - -
In sintesi  
Cadmio E' un metallo pesante. La presenza nell'acqua dipende dalla corrosività dell'acqua e dalla qualità delle rubinetterie domestiche 10 μg/l Cd++ - - - - - - - - - -
In sintesi  
Piombo E' un metallo pesante. La presenza nell'acqua dipende dalla corrosività dell'acqua e dalla qualità delle rubinetterie domestiche 10 μg/l Pb++ - - - - - - - - - -
In sintesi  
Vanadio E' un metallo pesante. La presenza nell'acqua dipende da fattori geologici non riconducibili al trattamento 50 μg/l V++ - - - - - - - - - -
In sintesi