Salta al contenuto

« Indietro

05-11-2018 Guspini: 2 chilometri di nuove reti idriche

Comunicato stampa del 5 novembre 2018

 

GUSPINI: DUE CHILOMETRI  DI NUOVE CONDOTTE

GRAZIE A UN INVESTIMENTO DI 600MILA EURO

Avviati i lavori di manutenzione straordinaria e di efficientamento delle reti idriche e fognarie nel centro abitato

 

Addio vecchie condotte colabrodo causa di continue rotture e innumerevoli interventi di riparazione: a Guspini Abbanoa ha avviato un piano di i lavori con l'obiettivo di risolvere le criticità presenti nella rete idrica di distribuzione al servizio del centro abitato. Sono due le attività programmate: da una parte un programma di manutenzione straordinaria già avviato e dall'altra l'appalto di efficientamento delle reti idriche per complessivi due chilometri di nuove condotte grazie a un investimento di oltre 600 mila euro.

Le strade interessate. I primi cantieri sono stati avviati in questi giorni e saranno completati entro la fine dell'anno. Si tratta degli interventi inseriti nel piano delle manutenzioni straordinarie per il trimestre in corso che riguardano quasi un chilometro di condotte da sostituire con un primo investimento di circa 300mila euro. Le squadre stanno già operando in via Alghero dove, all'incrocio con via Palermo, sono stati collegati i primi tratti di rete realizzati nei giorni scorsi. Oggi, invece, sarà la volta dell'attivazione di un nuovo tratto con i collegamenti delle reti tra via Alghero e via Carbonia. Nello stesso piano rientrano anche la sostituzione delle reti idriche nelle vie Cavour, Mameli e Parrocchia. Cantieri al via anche nelle reti fognarie con la sostituzione delle vecchie condotte in via Giovanni Antonio Sanna e lungo i collettori fognari esterni al centro abitato. Un intervento di efficientamento delle apparecchiature riguarderà l'impianto di via Monsignor Romero, l'ex potabilizzatore e l'invaso di presa di Terra Maistus. Inoltre, saranno effettuati ulteriori interventi di eliminazione di vecchie condotte ormai in disuso.

Nuove condotte. Il piano è finalizzato, oltre che a una drastica riduzione delle perdite, all'ammodernamento delle reti tenendo conto delle problematiche riscontrate negli ultimi anni. Riguardano principalmente la realizzazione di nuove condotte nei tratti dove sono stati registrati frequenti disservizi all'utenza e notevoli perdite di risorsa. Le vecchie tubature erano state realizzate decenni fa con materiali inadatti e ormai del tutto deteriorati. Saranno rifatti integralmente anche gli allacci alle utenze servite che potranno contare, in questo modo, su un servizio più efficiente e pressioni adeguate.

L'appalto. Il Comune di Guspini è inserito anche nell'appalto di efficientamento delle reti idriche, già aggiudicato e di imminente avvio, che riguarderà ancor più consistenti interventi: più di un chilometro di nuove condotte grazie a un ulteriore investimento di oltre 300 mila euro. Le strade interessate saranno via Margotti, via Banfi, via Togliatti, via Romagnoli, via Alicata, via Moscatelli, via Po, via Caprera, via Labriola, via Senatore Spano compresi i vicoli. Anche in queste zone si procederà alla completa riqualificazione della rete primaria di distribuzione idrica costituita da vecchie tubature ormai usurate e interessate da frequenti e rovinose rotture e ingenti perdite idriche tanto da richiedere numerosi interventi di riparazione da parte delle squadre di Abbanoa. Al loro posto il Gestore realizzerà una nuova rete in ghisa sferoidale, materiale che garantisce la migliore resistenza. Le nuove infrastrutture saranno tutte georeferenziate per una migliore gestione e una precisa individuazione una volta reinterrate.

Reti intelligenti. Il Comune di Guspini è inserito anche nei primi centotrenta Comuni della Sardegna dove sarà attuato il programma di ingegnerizzazione delle reti idriche. Si di un modello innovativo basato sull'azione combinata di misure di campo, studi specialistici sull'assetto di rete, regolazioni e progressivi interventi strutturali sugli asset. Il processo di ingegnerizzazione si svolge a partire da un'indagine sulla rete ammalorata con installazione di misuratori portatili per l'esecuzione di prove idrauliche diurne e notturne e con ispezioni mirate per la localizzazione delle perdite. A tale fase segue la diagnosi, ovvero la definizione delle criticità e delle cause di malfunzionamento della rete, con successivi rilasci di prescrizioni sempre più evolute e dettagliate per le soluzioni tecniche ottimali da adottare, tra le svariate combinazioni possibili, al fine di efficientare la rete dal punto di vista idraulico, energetico e gestionale. Gli interventi gestionali e strutturali si inseriscono in questo processo sempre continuativamente e progressivamente.