Salta al contenuto

« Indietro

17-04-2019 Oristano: collegamenti nuovo acquedotto

Comunicato stampa del 16 aprile 2019

 

ORISTANO: COLLEGAMENTO DI ULTERIORI

DUE TRATTI DEL NUOVO ACQUEDOTTO

Domani lavori in corso a Bonarcado e Tramatza

Quattro milioni di euro investiti per la maxi-opera che porterà

a sostituire complessivamente 15 chilometri di condotte

 

Entrano in funzione ulteriori due tratti del nuovo acquedotto. Sono ormai alle battute finali i lavori per realizzare la nuova infrastruttura idrica al servizio di Oristano e frazioni, Siamaggiore, Solarussa, Tramatza, Bauladu, Milis e Bonarcado. Domani, mercoledì 17 aprile 2019, saranno effettuati i collegamenti delle condotte appena realizzate in due distinti cantieri: il primo riguarda il tratto tra i partitori Mullone e Bau Nou in territorio di Bonarcado mentre il secondo tra il podere Medda e il ponte romano in territorio di Tramatza. Complessivamente sono 4 chilometri di nuove condotte in ghisa sferoidale che prendono il posto delle vecchie tubature colabrodo in cemento-amianto.

Il piano d'intervento. Per eseguire i collegamenti programmati per domani, sarà necessario sospendere l'operatività dell'acquedotto tra le 7.30 e le 17. L'erogazione all'utenza sarà garantita dalle scorte nei serbatoi. Dove si verificheranno interruzioni del servizio, dovute all'esaurimento delle scorte nelle vasche d'accumulo, Abbanoa attiverà immediatamente il servizio sostitutivo di autobotti: i centri con minori riserve sono Tramatza e Siamaggiore dove le autobotti saranno operative dalle 13.30 sino al completo ripristino del servizio. In serata, completati i lavori e riavviato l'acquedotto, l'erogazione ritornerà alla normalità. Qualsiasi anomalia può essere segnalata al servizio di segnalazione guasti di Abbanoa tramite il numero verde 800.022.040 attivo 24 ore su 24.

L'impresa incaricata da Abbanoa ha già collegato nei mesi scorsi diversi tratti: due chilometri tra Bonarcado e Milis a metà febbraio, tre chilometri tra Paulilatino e Bonarcado all'inizio di marzo e tre settimane fa ulteriori 4,5 chilometri divisi in due parti: circa un chilometro a monte della strada provinciale 11 e 3,5 chilometri tra l'Autogrill sulla statale 131 e il partitore di Solarussa/Siamaggiore. Le continue criticità legate alle condizioni precarie del vecchio acquedotto hanno reso necessario procedere in tempi rapidi alle attivazioni dei tratti via via operativi.

Opera fondamentale. I quindici chilometri di nuova condotta si aggiungono anche ai quattro sostituiti all'inizio dell'anno scorso. L'acquedotto è alimentato dalle sorgenti di Bau Nou e Santu Miali  e garantisce l'approvvigionamento idrico di Oristano e frazioni, Siamaggiore, Solarussa, Tramatza, Bauladu, Milis e Bonarcado. Il vecchio acquedotto era stato realizzato nel '71 in cemento amianto e ormai da anni mostra tutta la sua inadeguatezza e vetustà. Non si contano più gli interventi di riparazione che le squadre di Abbanoa hanno effettuato per garantire il servizio: il  tasso di dispersione è tra il 35 e 40 per cento. Le nuove condotte saranno realizzate in ghisa sferoidale, materiale più resistente che garantisce la migliore tenuta.

Sistema integrato. La realizzazione del nuovo acquedotto garantirà l'approvvigionamento dalle sorgenti, ma per l'Oristanese si sta portando avanti la realizzazione di un sistema integrato che farà perno sul nuovo potabilizzatore di Silì: un'opera fondamentale già appaltata da Abbanoa con un investimento di 9 milioni di euro i cui lavori inizieranno a breve. Nei periodi di scarsità di risorsa o eccessiva torbidità delle acque provenienti dalle sorgenti, l'impianto potrà essere alimentato dalla diga Cantoniera sul fiume Tirso.

Pozzi "salati". La città di Oristano registra da tempo una forte criticità: i pozzi locali registrano livelli crescenti soprattutto di cloruri e di conseguenza l'acqua è sempre più salmastra. Per questo motivo è necessario miscelare la risorsa prelevata con acqua di qualità che sarà garantita dal potabilizzatore di Silì che a sua volta potrà utilizzare acqua di sorgente o, in base alle necessità, dell'invaso sul Tirso in base alle disponibilità.