Salta al contenuto

Lotta alla morosità:  raggiunto l'accordo con il Comune per il condominio di v.  Pozzomaggiore.

Abbanoa ha chiesto e ottenuto che il Comune svolga la propria parte nel lavoro di riordino e regolarizzazione di un condominio che, come è emerso chiaramente, finora non era mai stato governato: dall'assenza di un'amministrazione condominiale che avrebbe dovuto leggere i contatori interni e chiedere gli importi dovuti per ogni singola unità abitativa all'impossibilità di avere informazioni sulle famiglie in situazioni di disagio e sui periodi di occupazione di ogni singolo appartamento.

Grazie agli impegni precisi sottoscritti dall'amministrazione comunale è  stato raggiunto ieri  l'accordo per la riattivazione del servizio al condominio di via Pozzomaggiore, a Sassari, slacciato per una morosità pari a 160mila euro e causata dal mancato pagamento delle fatture dal 2011 a oggi. 

Come più volto sollecitato, l'amministrazione comunale fornirà ad Abbanoa i dati su ogni singolo nucleo familiare del condominio per consentire al Gestore di calcolare gli importi esatti relativi a ogni singola utenza. Inoltre, il Comune dovrà mettere a disposizione di chi realmente ha bisogno una quota per il disagio sociale, ma anche impegnarsi a vigilare sul corretto pagamento dell'ampio piano di rateizzazione che sarà concesso agli altri nuclei familiari. Sono fondamentali azioni volte alla regolarizzazione e alla lotta alla morosità, con il Comune chiamato a fare la sua parte.

Abbanoa, sulla base delle informazioni acquisite dal Comune,  provvederà a determinare la ripartizione del debito e a fornire un piano di rateizzazione che dovrà essere rispettato dal primo dicembre: chi non lo rispetterà si vedrà interrotto il servizio  da parte dello stesso Comune con l'intervento dei vigili urbani. Questi gli step:

Entro il 19 ottobre:

·         L'amministrazione comunale provvederà a fornire ad Abbanoa i dati di ogni singolo nucleo familiari

·         L'amministrazione comunale indicherà quali famiglie si trovano in condizione di disagio sociale

Entro il 22 ottobre:

·         In base alle informazioni fornite dall'amministrazione Comunale, Abbanoa  sarà messa nelle condizioni di ripartire il debito complessivo tra i vari condòmini e formulare per ciascuno un piano di rientro comunicherà l'esito nuovamente all'amministrazione comunale.

23 ottobre:

·         L'amministrazione comunale provvederà a notificare agli amministratori condominiali e ai singoli beneficiari l'entità del debito pro capite e il piano di rateizzazione adottato

Dal 29 ottobre:

·         L'amministrazione comunale effettuerà direttamente o per tramite degli amministratori di Condominio lo slaccio delle unità abitative che non provvederanno al pagamento della quota di debito di spettanza

Entro la fine dell'anno

·         L'amministrazione comunale provvederà alla realizzazione dei lavori necessari a consentire, almeno a partire da gennaio 2017, la realizzazione di singoli allacci per ciascuna unità abitativa

Guardando al futuro, in sintesi, l'Amministrazione, così come già concordato con Abbanoa nelle riunioni precedenti, provvederà entro l'anno alla realizzazione di una nuova infrastrutturazione dell'impianto dei tre edifici del condominio, tale da consentire la realizzazione di singoli allacci per ciascuna unità abitativa.

Non solo. Il Comune  si è anche impegnato a completare con Abbanoa, entro novembre, un censimento complessivo delle case popolari per la progressiva applicazione della modalità di gestione del debito pregresso entro dicembre, "così da realizzare una piena e completa regolazione del debito pregresso e della ripartizione".

LEGGI ANCHE: Sassari: la vicenda di via Pozzomaggiore e le responsabilità del Condominio