Salta al contenuto

La qualità dell'acqua depurata

La Regione Sardegna, con Delibera di Giunta regionale n. 75/15 del 30.12.2008, ha emanato la Direttiva regionale sul riutilizzo delle acque reflue depurate, che detta norme e misure volte a favorire il riutilizzo delle acque reflue depurate a fini ambientali, irrigui, industriali e civili su tutto il territorio regionale.

L'impianto di depurazione delle acque reflue urbane di Alghero, rappresenta, tramite il riutilizzo dei reflui, una fonte strategica per l'approvvigionamento di risorse idriche non convenzionali utili per il soddisfacimento delle idroesigenze irrigue dei diversi utilizzatori finali del territorio, in particolare per l'irrigazione delle aree ricadenti nel comprensorio del Consorzio di Bonifica della Nurra.

Le acque reflue trattate nell'impianto di San Marco, depurate ai sensi del D.Lgs. 152/2006, vengono ulteriormente affinate per essere idonee al riutilizzo irriguo, come prescritto dalla Direttiva regionale.

A tal scopo, la qualità dell'acqua utilizzata viene monitorata tramite la verifica analitica dei diversi parametri così come indicato nell'Allegato 5 della Direttiva regionale; nell'Allegato 2 della stessa Direttiva sono indicati i limiti parametrici da rispettare.

I parametri pubblicati sono sia di interesse normativo ma anche fonte di informazione per tutti coloro che vogliono essere consapevoli della qualità dell'acqua utilizzata per l'irrigazione delle colture.