Salta al contenuto

ABBANOA PRECISA

Comunicato stampa del 31 marzo 2017

OLBIA: ADICONSUM, TESSERATI NON TUTELATI

L'associazione diserta i tavoli di conciliazione mettendo in difficoltà i clienti non più assistiti

 

Centinaia di clienti vedono deluse le loro richieste di conciliazione a causa della mancata assistenza da parte dell'associazione dei consumatori alla quale, pagando la tessera, avevano rivolto la propria fiducia. A Olbia non esiste un solo conciliatore abilitato di Adiconsum e i dati sugli esiti della Conciliazione in Gallura sconfessano quanto sostenuto dalla rappresentante locale. Numero aggravati dalla decisione unilaterale di disertare i tavoli di conciliazione lasciando i propri assistiti in oggettiva difficoltà.

Adiconsum, infatti, è l'unica associazione che ha sospeso  arbitrariamente e senza alcun accordo preliminare l'attività con la segreteria di conciliazione, rifiutandosi anche di seguire il calendario dei tavoli di conciliazione che è invece rispettato da tutte le altre associazioni. A Olbia, tra l'altro, non risulta nessun conciliatore abilitato: a differenza delle altre associazioni, Adiconsum è l'unica che ha disertato il corso di formazione e abilitazione tenuto dal Docente dell'Università di Cagliari e massimo esperto di tecniche di risoluzione stragiudiziale delle controversie, Carlo Pilia. Eppure si trattava di un tentativo concreto per snellire l'arretrato, mettendo in campo nuovi conciliatori preparati. Tentativo che Adiconsum ha preferito scartare scegliendo di non inviare nessun volontario della propria Associazione.

Abbanoa collabora quotidianamente con una decina di associazioni dei consumatori con risultati positivi. Complessivamente nel distretto di Olbia sono state affrontate 883 richieste di conciliazione con diverse associazioni: l'accordo è stato raggiunto in 526 casi mentre sono 357 (un terzo) quelli con esito negativo. Soltanto con Federconsumatori, per esempio, sono state discusse 208 pratiche e in 183 casi è stato raggiunto un accordo: più del 90 per cento. Proporzioni che si ribaltano con Adiconsum: a fronte di appena 26 accordi, sono ben 216 (dieci volte tanto) le conciliazioni con esito negativo, spesso perché nessun esponente dell'associazione si è presentato al tavolo di conciliazione.