Salta al contenuto

ABBANOA PRECISA

Precisazioni riguardo ad un articolo poco meditato del Prof. Savona sul servizio idrico della Sardegna.

"L'intervento del professor Savona mi dà l'occasione per ribadire  alcuni concetti–chiave della storia di Abbanoa che, seppur unanimemente conosciuti nel mondo della politica e della classe dirigente sarda, spesso sembrano cadere facilmente nell'oblio anche di chi quelle vicende le ha vissute da posizioni di primissimo piano.

Va detto innanzitutto, come premessa, che Abbanoa è stata pensata e realizzata per porre rimedio al collasso del sistema idrico  della Sardegna, oberato di debiti, con  reti idriche e fognarie deteriorate, spesso realizzate con materiali scadenti, potabilizzatori fatiscenti, depuratori che non depuravano e scaricavano dolosamente nell'ambiente, intere borgate marine senza reti fognarie.

Un sistema che basava la propria sopravvivenza economica sul fatto che, ogni anno, la finanza pubblica metteva a disposizione decine di milioni di euro (a valuta attuale) per coprire i buchi di bilancio delle aziende regionali o comunali sistematicamente in perdita, dove il pagamento delle bollette era affidato più al senso civico dei singoli che all'iniziativa delle aziende poco motivate, avendo assicurata ogni anno la copertura totale delle perdite,  a compensare il mancato pagamento delle bollette.

Il servizio idrico in quel periodo funzionava poco e male, ma nessuno se ne lamentava (non c'erano proteste o iniziative legali) perché non era obbligatorio pagarlo e fra i tanti che non lo pagavano non c'erano i pensionati, che sono i clienti più fedeli e rigorosi, ma professionisti, villaggi di vacanze, resort e ogni genere di attività.

Naturalmente a quest'azienda hanno 'generosamente" caricato   tutti i debiti delle precedenti gestioni (una montagna)  trascurando però di dotarla per lungo periodo, delle risorse necessarie per garantire il buon funzionamento del servizio e l'equilibrio dei conti. Ci sono state momenti in cui si è rischiato il tracollo, poi finalmente, con la capitalizzazione decisa dalla Regione  l'azienda ha imboccato la via del risanamento e si presenta oggi in salute e con i conti in ordine.

Va tutto bene? Siamo perfetti? Direi di no! C'è molto da fare in particolare nel migliorare la cultura del servizio che risente ancora di comportamenti, ereditati dalla esperienze precedenti, dove il cliente, più che il destinatario fondamentale della nostra attività, era considerato un impiccio arrivato a turbare l'andamento sereno della giornata lavorativa.

C'è arroganza? No, spesso sciatteria, a volte le peggiori manifestazioni della cultura burocratica pubblica, che non ha niente a che vedere (qui bisogna evitare di fare confusione) col fatto che il Servizio Idrico è un monopolio naturale, le reti e gli impianti sono di proprietà dei Comuni e la gestione in Italia è prevalentemente pubblica. Sull'attività delle aziende vigila un'Autorità che, a tutela dei clienti, decide i livelli di servizio e la tariffa che gli dev'essere riconosciuta. Abbanoa opera così in un sistema regolato con tariffe e modalità commerciali decise dalle Autorità. Ma c'è un ruolo ulteriore e utile che svolge nella nostra Isola: presidia e garantisce un sistema di regole, uguali per tutti, in tutti i territori.

Regole certe per le assunzioni, per assegnare i lavori alle imprese, per affidare gli incarichi professionali e soprattutto regole nel rapporto con i clienti, per superare l'insopportabile ingiustizia di vedere indisturbati quelli che, approfittando della confusione dei bei tempi andati, non hanno mai pagato una bolletta mentre la stragrande maggioranza dei cittadini  paga regolarmente quanto dovuto.

Tutto questo viene fatto attraverso procedure chiare, sempre verificabili e sottoposte al costante controllo dei Comuni, degli organi interni nominati dagli azionisti e delle autorità regionali e nazionali oltre che dalla Magistratura contabile, civile e persino penale che in questi anni hanno fatto verifiche approfondite e richiesto precisi riscontri certificando il corretto funzionamento di Abbanoa e confermando che si tratta di un'azienda controllata e gestita in modo rigoroso come avrebbero dovuto essere, a leggere le cronache di questi giorni, altri sistemi a cominciare da quello bancario"

Alessandro Ramazzotti       

(Amministratore unico di Abbanoa)